Giorno 18 giugno c.m. si è svolta, in remoto e alla presenza dei membri della giuria, del presidente Nazionale della Federazione Italiana Cuochi Rocco Cristiano Pozzulodei dirigenti scolastici, degli insegnanti e degli alunni partecipanti, la cerimonia di premiazione dei vincitori del concorso “Il piatto del de-confinamento”, organizzato dall’Istituto Francese di Palermo in collaborazione con l’Unione Regionale Cuochi Sicilia e l’Unione Regionale Cuochi Calabria, appartenenti alla Federazione Italiana Cuochi. Al concorso hanno partecipato 17 alunni di vari Istituti alberghieri di Sicilia e Calabria, che hanno realizzato e messo online un video, della durata massima di cinque minuti, nel quale presentavano, in francese e in italiano, il piatto preparato per la gara. Il video è stato, quindi, inviato alla commissione giudicatrice che ha valutato la performance degli alunni nella preparazione del piatto e nella relativa spiegazione in lingua francese.

La giuria, di stampo internazionale, era composta da  Calogero Matina, discepolo di Auguste Escoffier e chef/docente di enogastronomia; Sara Cucchiara, pastry chef; Giovanni Butticè, chef/ristoratore per quanto riguarda i giudici tecnici per la Sicilia; da Carmelo Fabbricatore, chef e presidente Unione Regionale Cuochi Calabria; Gustavo Congi, chef e presidente Associazione Cuochi San Giovanni in Fiore; Rocky Mazzaferro, chef e presidente Associazione Provinciale Cuochi Reggini per quanto riguarda i giudici tecnici per la Calabria; dallo chef della sede di rappresentanza in Italia dello Stato d’Oltralpe, Hubert Malidor, in qualità di giudice tecnico per l’ambasciata francese e da Valerie Le Galcher Baron in qualità di giudice tecnico per l’area linguistica.

L’idea di realizzare questa competizione è nata dal sempre costante impegno alla ricerca dell’«eccellenza condivisa» fra le scuole, e non solo, da anni promossa dall’addetta alla Cooperazione Linguistica per la Sicilia e la Calabria dell’Ambasciata di Francia, M.me Valérie Le Galcher-Baron, e dal suo voler impegnare e stimolare la fantasia degli alunni, obbligati a casa, senza contatti sociali all’infuori di quelli familiari, dalle misure di contenimento del CoVid-19. M.me Valérie Le Galcher-Baron è stata anche la promotrice del concorso scolastico “Goût de France”, realizzato in collaborazione con la Rete degli Istituti Alberghieri Siciliani guidata dalla dott.ssa Daniela Di Piazza, in qualità di Dirigente Scolastica della scuola capofila, con lo scopo di collegare gli istituti alberghieri al fine di confrontarsi e migliorarsi mettendo in atto percorsi verticali di eccellenza provincia per provincia. La Rete stava organizzando la seconda edizione del concorso che si sarebbe dovuto svolgere ad aprile del c.a. presso l’IPSEOA “I e V. Florio” di Erice (TP) e al quale si è dovuto rinunciare a causa della chiusura delle scuole. Dalla forzata rinuncia, ecco l’idea di ricreare, tra le varie attività della DaD, una collaborazione tra gli alunni degli istituti alberghieri durante la quarantena. La proposta è stata d’immaginare e creare, valorizzando i prodotti del territorio, un piatto semplice e poco costoso, che rispettasse le esigenze alimentari di altre culture, da realizzare ovunque nel mondo e da condividere quando l’attuale pandemia non sarà che un brutto ricordo.

Tra gli istituti alberghieri partecipanti al concorso “Il piatto del de-confinamento” vi è anche  il nostro Istituto. Grazie alla collaborazione del prof. Danilo De Feo, chef/referente di gare e concorsi, della prof.ssa Alfina Arezzi, coordinatrice del dipartimento di francese e dell’alunno Andrea Agatello che ha preparato il piatto «Jaune d’œuf croquant sur velouté de caciocavallo, jardin zen et cubes de pain à l’huile d’olive » anche il Karol Wojtyla ha accettato la sfida.

Per partecipare gli alunni hanno dovuto seguire e rispettare alcuni criteri:  dare  un nome (italiano o francese) al proprio piatto, utilizzando  giochi di parole,  neologismi  o parole semplicemente modificate, in riferimento al periodo di confinamento e distanziamento sociale; realizzare, scrivere e presentare, in un video, gli ingredienti e le varie fasi di preparazione della ricetta in francese e in italiano; descrivere  il contesto nel quale ogni alunno partecipante si immagina di condividere questo piatto emblematico del de-confinamento e preparare la ricetta indossando la divisa da cuoco completa e rispettando le norme igieniche.

Gli studenti hanno ricevuto in carico alcune regole da rispettare: l’obbligo di dare un nome (in italiano o francese) al proprio piatto, utilizzando giochi di parole, semplicemente modificate, diventate ormai familiari negli ultimi mesi, tipo: quarantena, confinamento, distanziamento sociale, ecc.; scrivere la ricetta (in francese e in italiano); realizzare la ricetta e presentarne gli ingredienti e le fasi salienti della preparazione attraverso un video (in francese e poi in italiano per la valutazione cucina); descrivere il contesto nel quale si immagina di condividere questo piatto emblematico del de-confinamento; preparare la ricetta indossando la divisa da cuoco completa e rispettando le norme igieniche.

Gli alunni che si sono distinti per la regione Sicilia sono al primo posto: Salvatore Austero dell’IPSIA “F. Ferrara” di Mazara del Vallo (TP) con “Cuisintena, l’œuf de la vie”; al secondo posto: Laura Marisa Leto dell’IPSSAR “P. Piazza” di Palermo con L’œuf évasion” e al terzo posto: Federica Torre dell’IS “R. Guttuso” di Milazzo (ME) con Légumes conjoints”. Per la regione Calabria, il primo classificato è Christian Falvo dell’IPSSAR “L. Einaudi” di Lamezia Terme (CZ) con “Un rayon d’espérance”; la seconda classificata, Angela Campisano dell’IPSSAR “L. Einaudi” di Lamezia Terme (CZ) con “Espoir tricolore” e il terzo classificato Francesco Pio Golia dell’IPSIA “E. Aletti” di Trebisacce (CS) con “Cuori di fave fresche con ricongiungimento di riso Venere e legame di crema al pecorino”.

Grande riconoscimento per tutti gli alunni vincitori, i cui piatti saranno preparati dallo chef dell’Ambasciata di Francia in Italia e proposti in occasione di pranzi e cene ufficiali che si terranno presso l’Ambasciata a Roma e a Palazzo Farnese. Naturalmente accompagnati anche, con dovizia,  da note sulla provenienza e la ricerca fatta dai ragazzi.

Una breve presentazione delle ricette e degli studenti partecipanti è stata pubblicata sulla piattaforma YouTube in un video curato dal prof. Calogero Matina (FIC  Siciliae, membro della giuria) all’indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=W3Bod37avW0

Sul sito dell’Istituto Francese di Palermo sono stati pubblicati, invece, i link di tutte le video-ricette in concorso:
https://www.institutfrancais.it/palermo/gara-il-piatto-del-de-confinamento

I nostri complimenti a tutti i partecipanti per l’ottima riuscita dell’evento.  Prof.ssa Alfina Arezzi